La Chiesa di San Francesco a Oristano, sorge accanto alla Cattedrale di Santa Maria Assunta e al Seminario Arcivescovile. Al suo interno vi si trova anche il Convento di San Francesco, costruito al 1335 ma completamente modificato e terminato insieme alla chiesa nell’800.

La Chiesa di San Francesco a Oristano, presenta una facciata in stile neoclassico, ma inizialmente la chiesetta (ovvero quando i francescani arrivarono a Oristano nel 1253) era in stile gotico.

La facciata della Chiesa di San Francesco, si aprono tre portali, ed è costituita da due pilastri e quattro colonne che reggono il timpano. Una cupola semisferica, con lanterna ottagonale, corona l’edificio.
L’interno, a pianta centrale, presenta due capelle per lato. La cupola, decorata a cassettoni, è sorretta da pilastri e semicolonne con capitelli ionici.

La prima cappella a sinistra ospita il Cristo di Nicodemo, notevole scultura lignea risalente al XIV secolo, di scuola spagnola, prototipo di una serie di crocifissi, tra cui il crocifisso ligneo di Ollolai, custoditi in varie chiese della Sardegna.

Nella sacrestia sono custodite altre preziose opere, come il pannello (1533), un tempo parte di un retablo, raffigurante san Francesco mentre riceve le stigmate, opera di Pietro Cavaro e la statua marmorea (1368), forse raffigurante san Basilio Magno, attribuita a Nino Pisano[3].

    

La mappa per raggiungere la Chiesa di San Francesco a Oristano:
  

Sharing is caring!